Domanda:
Perché l'indice di flusso solare è misurato a 10,7 cm?
Dan
2013-10-24 02:30:19 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Perché l'indice di flusso solare è misurato a 10,7 cm? Cosa la rende una frequenza così speciale?

Due risposte:
#1
+10
Amber
2013-10-24 02:36:20 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Quindi, a quanto pare, il motivo alla base di questo è abbastanza semplice: il primo ricevitore che è stato utilizzato per registrare registrazioni che sono state collegate al flusso solare operato a 2800 MHz (e quindi una lunghezza d'onda di 10,7 cm). Per consentire il confronto storico delle letture, quella lunghezza d'onda è stata preservata da allora.

Ecco un articolo con la storia completa dell'origine.

Potrebbe essere degno di nota: "Successivamente è stato stabilito, sia attraverso l'osservazione che la teoria, che la migliore lunghezza d'onda per osservare [la componente S-] dell'emissione radio solare è di circa 10 cm. Che Covington ha deciso di effettuare osservazioni a 10,7 cm di lunghezza d'onda ... deve contare come una delle coincidenze più significative in astronomia ".
#2
+6
Bogdanovist
2013-10-24 02:46:39 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La componente del flusso solare che effettivamente influisce sulla forza ionosferica è la parte dello spettro ultravioletto estremo (EUV). Questo è ciò che causa la ionosazione che produce la ionosfera. Tuttavia, poiché l'EUV viene assorbito dall'atmosfera superiore, (fortunatamente!) Non arriva a terra (almeno il flusso è molto molto più basso a livello del suolo). Ciò significa che i ricevitori a terra non possono ottenere una buona gestione del flusso EUV solare effettivo. Nei tempi moderni abbiamo accesso a satelliti che misurano il flusso EUV al di fuori dell'atmosfera.

Storicamente, ci sono due principali misurazioni proxy del flusso EUV. La più antica sono le macchie solari. Poiché l'EUV viene emesso dalle regioni di macchie solari, più macchie solari è alto il flusso EUV e quindi più forte è la ionosfera.

Il flusso radio di 10,7 cm è stato casualmente trovato correlato anche con il numero di macchie solari negli anni successivi WWII. La fisica alla base di questo è complessa e non completamente compresa. Empiricamente, tuttavia, esiste una relazione non lineare tra il numero di macchie solari e il flusso di 10,7 cm che dura da diversi decenni. Il flusso di 10,7 cm è una misura più semplice rispetto al conteggio soggettivo delle macchie solari e può essere eseguita con tempo nuvoloso. È interessante notare che, negli ultimi 5-10 anni, la relazione tra il numero di macchie solari e il flusso solare di 10,7 cm è cambiata, molto probabilmente a causa di un indebolimento generale del campo magnetico coronale solare quando il Sole si sposta in una fase più tranquilla dopo l'era spaziale ''. grand maximum 'che è stato sperimentato negli ultimi 50 anni circa.

Andando avanti, le misurazioni EUV dirette dai satelliti stanno diventando un metodo più predominante per misurare il flusso solare in quanto rilevante per la ionosfera sebbene il rumore radio di 10,7 cm rimarrà ancora per molti anni un importante sostegno a terra.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...