Domanda:
Come posso alimentare la mia radio in un'installazione mobile del veicolo?
Dan KD2EE
2013-10-24 18:32:24 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Desidero installare una radio UHF mobile da 30 W nella mia auto. Ho già un'antenna e una staffa di montaggio, ma come faccio ad alimentare questa radio? Ha un connettore a proiettile SAE sul retro: ho solo bisogno di un adattatore per accendisigari o devo collegarlo da qualche altra parte? Ho bisogno di un fusibile?

Due risposte:
#1
+6
Dan KD2EE
2013-10-24 20:48:41 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sebbene molti ricetrasmettitori e scanner possano essere alimentati da un adattatore per accendisigari, in genere si desidera utilizzare al massimo un ricetrasmettitore in questo modo e si dovrebbe essere assolutamente certi di sapere da dove viene alimentato l'accendino. La maggior parte delle scatole dei fusibili per auto è relativamente facile da accedere e la maggior parte dei manuali dei proprietari ti dirà quale fusibile è associato a ciascun accendisigari: se il fusibile è inferiore a 10 Amp, non usarlo. Assolutamente non cambiare il fusibile con qualcosa di più alto.

Alcune possibili preoccupazioni includono il fatto che la tua radio inizierà probabilmente ad assorbire la sua piena corrente solo occasionalmente, ma all'improvviso. Assorbimento di corrente intermittente come quello hanno meno probabilità di far scoppiare i fusibili rispetto agli assorbimenti costanti, anche se la corrente è maggiore del valore nominale del fusibile. D'altra parte, potrebbero verificarsi cali di tensione quando si digita il tasto a causa della resistenza nel filo tra la radio e la batteria. Nel peggiore dei casi, l'accendisigari può essere cablato per il "ritorno a terra del telaio", in cui la corrente di 10 A non viene restituita attraverso un filo di terra in rame, ma attraverso il telaio in acciaio dell'auto. Questo va bene per cose come una radio AM / FM o l'illuminazione della cabina, ma quella stessa resistenza equivale a una caduta di tensione più elevata con la tua radio da 10 ampere, che può distorcere il segnale di uscita o persino far sì che i dispositivi percepiscano una condizione di "sottotensione" e spegni.

E come bonus aggiuntivo, indovina cos'altro è collegato al telaio del tuo veicolo? Sì, è vero, la tua antenna è messa a terra! Quindi ora potresti avere tre diverse masse effettive tutte collegate insieme, ma a tensioni diverse a causa della resistenza nel telaio: la massa dell'alimentatore sulla radio, la massa RF sull'antenna e il polo negativo effettivo della batteria. Questa situazione può compromettere il bias dell'amplificatore RF finale causando distorsione del segnale o surriscaldamento.

Il modo migliore, e il modo in cui lo fanno i professionisti, è far passare una coppia di cavi separata dalla batteria alla radio. Questi cavi devono essere classificati per l'assorbimento di corrente massimo della radio (e poi alcuni, poiché ogni radioamatore inizialmente prevede di installare una radio e poi finisce con 5) e sia i cavi positivi che quelli negativi devono essere fusi alla batteria. In caso contrario, ed entrare in contatto con qualcosa, potresti cortocircuitare la batteria dell'auto provocando un incendio.

C'è un altro vantaggio del collegamento diretto alla batteria: alcune auto spengono l'accendisigari quando l'auto è spenta, ma se ti colleghi direttamente alla batteria, hai il controllo su come viene controllata l'alimentazione. Ci sono disconnessioni a bassa tensione destinate a questo scopo che rileveranno quando l'auto è spenta e spegneranno la radio un periodo di tempo fisso dopo, ma che possono essere ignorate per consentire di azionare la radio senza accendere l'auto se necessario.

Riconsidererei seriamente di collegare il cavo negativo al terminale negativo della batteria e di mettere un fusibile su di esso - se quel fusibile si brucia e il positivo non lo fa, ora stai spingendo 10A + attraverso la connessione di terra che ha l'antenna (si spera) sullo chassis! http: //www.eham.net/ehamforum/smf/index.php? topic = 78710.0 ha qualche discussione e alcuni link, fondamentalmente è considerata una cattiva pratica e non è più consentito in alcune giurisdizioni usare micce sul negativo conduce. Collegare il negativo alla stessa massa utilizzata dalla batteria senza un fusibile.
#2
+2
Adam Davis
2013-10-24 19:20:56 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Una radio UHF da 30 W dovrebbe consumare meno di 10 A, che è il limite della maggior parte degli accendisigari. Puoi provarlo e, se brucia il fusibile, sostituisci il fusibile e scegli un'opzione diversa per alimentarlo. Poiché la presa è protetta da un fusibile, non è necessario aggiungere un ulteriore fusibile in linea con l'alimentazione della radio.

Oltre a ciò, ti suggerisco di controllare il manuale utente ei suggerimenti del produttore per l'installazione. Varia in base al veicolo e se vuoi che funzioni a motore spento o meno. Potresti riuscire a trovare un installatore di radio / allarmi per automobili che possa eseguire l'installazione anche per te, se non parlare con il tuo meccanico.

Dipende piuttosto dal fatto che la presa sul cruscotto della tua auto sia davvero per un accendisigari o solo una "presa per accessori", come credo che molte auto forniscano in questi giorni. Quindi possono fornire solo un po 'meno corrente!
@2E0GWB Ne ho visti alcuni a partire da 7A, ma mai inferiori. È comune trovare una presa di corrente accessoria sotto i 7A?


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...