Domanda:
Quali qualità / caratteristiche deve avere un dispositivo radio SDR per essere utilizzabile per i radioamatori?
jkj
2013-10-24 00:00:13 UTC
view on stackexchange narkive permalink

So cosa tenere presente quando si seleziona una radio amatoriale analogica, ma i dispositivi SDR hanno specifiche completamente diverse, ad es. frequenza di campionamento e risoluzione.

Cosa devo sapere sul dispositivo per assicurarmi che sia adatto alle comunicazioni radioamatoriali funzionanti?

Due risposte:
#1
+6
Richard Hum
2013-10-24 18:47:16 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Quello che stai veramente cercando in un SDR dipende dalle tue esigenze. Ecco alcuni fattori da considerare:

Risoluzione ADC / DAC: viene misurata in bit. Rappresenta praticamente la precisione con cui il convertitore da analogico a digitale o il convertitore da digitale ad analogico possono rappresentare i cambiamenti nella forma d'onda. Di solito è meglio maggiore (12-16 bit), ma puoi cavartela con minore con alcune tecniche DSP.

Frequenza di campionamento: questa viene solitamente misurata in MSPS (mega campioni al secondo) o KSPS (kilo campioni al secondo). È una misura della quantità di dati che l'SDR può convertire da analogico a digitale o digitale ogni secondo. Ancora una volta, un valore più alto di solito è migliore, in quanto sarà più versatile, e la versatilità è uno degli aspetti più importanti di un SDR (a mio parere).

Gamma di accordatura: questa è solitamente segnalata come una gamma di frequenze. Praticamente autoesplicativo, è la quantità di spettro su cui l'SDR può sintonizzarsi.

Duplex: questo viene solitamente segnalato come uno dei seguenti: half-duplex, full-duplex e 2x2. Un SDR half duplex può solo trasmettere o ricevere allo stesso tempo. Un SDR full duplex, d'altra parte, può fare entrambe le cose allo stesso tempo, trasmettere e ricevere. Un SDR 2x2 (o superiore) sarà in grado di trasmettere su due frequenze diverse E ricevere su due frequenze diverse contemporaneamente. Un 3x3 può farlo su tre e così via. Non esiste un'opzione "migliore" qui per dire, ma dipende davvero dalle tue esigenze. Se non è necessario trasmettere e ricevere contemporaneamente, è sufficiente un half duplex. Tuttavia, se è necessario trasmettere e ricevere contemporaneamente, come una stazione base GSM o qualcosa di simile, sarà necessario un SDR full-duplex. Dipende davvero dalle tue esigenze e dal tuo budget. Un 2x2 è molto versatile, ma in alcune situazioni può risultare eccessivo e eccessivo.

Tipo di collegamento: solitamente riportato come nome. Il tipo di collegamento varia da SDR a SDR. I più comuni in questo momento sono Ethernet e USB. Il vantaggio di Ethernet è che puoi posizionare l'SDR in una posizione più lontana, lontano da qualsiasi emi generata dal tuo computer. Non puoi farlo con USB, poiché le specifiche non ti consentono di allungarlo per una lunga distanza. Tuttavia, trovo più facile lavorare con l'USB.

Prezzo: solitamente indicato come multiplo di un'unità di valuta. Il prezzo non dovrebbe essere il principale fattore decisivo nella scelta di un SDR. Dovresti prima esaminare le tue esigenze attuali, considerando anche eventuali esigenze future. Quindi, dovresti considerare il prezzo. È molto meglio spendere un po 'di più in questo momento per un SDR più robusto piuttosto che doverne acquistare uno nuovo in futuro perché non ha le specifiche necessarie per un particolare progetto.

Per un dilettante, puoi anche chiedere: a quale gruppo (o gruppi) sono principalmente interessato? I piccoli sintonizzatori TV economici SDR sono abbastanza economici, ma se si desidera HF devono essere modificati o si acquista un adattatore. Sono più adatti alla banda dei 2 metri (144-148 MHz) o superiore.
#2
+3
Bill - K5WL
2013-10-24 01:19:09 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Gli SDR in genere utilizzano una scheda audio o un hardware per schede audio per convertire dalla quadratura alla frequenza audio ai campioni digitali. Ciò è dovuto alla disponibilità e al basso costo dei componenti a frequenza audio per le schede audio dei computer. L'hardware rimanente è solitamente un ricevitore a conversione diretta. Quindi il segnale di campionamento digitale viene gestito dall'hardware DSP, spesso la CPU di un computer generico.

La conversione da analogico a digitale dei segnali di frequenza audio funziona campionando l'ampiezza in un particolare momento nel tempo, ripetutamente e convertendo l'ampiezza in un numero binario. Questo numero viene memorizzato in un certo numero di bit, ad esempio 8 bit (valori da -128 a 127) o 16 bit (valori da -32768 a 32767). La frequenza più alta che può essere ricevuta da una particolare scheda audio è determinata dalla frequenza di campionamento dell'ampiezza. Quindi, una scheda audio da 24 kHz può rappresentare solo una frequenza fino a 12 kHz.

Poiché la gamma dinamica delle frequenze audio coinvolte nella radio amatoriale (principalmente voce o bande di frequenze strette per le modalità digitali) è piccolo, la dimensione del campione (risoluzione) non è particolarmente importante. 16 bit sono più che sufficienti e 8 bit possono anche funzionare. Ciò che è importante è la velocità con cui vengono prelevati i campioni, perché ciò determina la quantità di segnale ricevuto che può essere convertita in segnale audio o digitale. Anche se le frequenze superiori a circa 22 kHz sono al di fuori della portata dell'udito umano, se vengono digitalizzate, possono essere convertite digitalmente in segnali acustici.

In questo modo, un SDR può elaborare un'ampia fascia di larghezza di banda e l'utente finale può selezionare quale piccola finestra di quella larghezza di banda (diciamo 2,5 khz) ascoltare alla volta. Pertanto, una scheda audio a 192 kHz può convertire 96 kHz su entrambi i lati della frequenza ricevuta in segnali digitali, che possono essere rappresentati da una cascata, e l'utente può selezionare quale porzione di quel segnale digitalizzato convertire in audio (o altre modalità).

Potrebbe valere la pena menzionare la recente introduzione di diversi dispositivi hardware SDR con ADC integrati che superano la larghezza di banda audio (2,4–20 MHz).


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...